"La follia è saltare sul tappeto della ragione"

martedì 18 gennaio 2011

time is ticking

Sono vuoti che si scontrano
generando scintille
scoppiettanti nell'aria che sgocciola
costantemente
sullo spigolo dell'infintito

e tutto intorno dorme e tace...e sogna

Sono i muri dello spazio
che si frantumano
e gli orrizzonti che si sfaldano
davanti ai miei occhi
grondanti di sabbia che misura la vita

time is the regular beat of quiet souls

Sono porte accostate
forse semiaperte
forse quasi chiuse
sono bolle che contengono pensieri
sono anime rotte
alla ricerca dei loro spigolosi frammenti

2 commenti:

Frankie P. ha detto...

Molto bella, complimenti :) Ho apprezzato l'accostamento della frase in inglese, che rompe per un attimo il ritmo della poesia, come un sussurro calmo che attrae più dell'urlo disperato.
La parte che preferisco è:
"Sono porte accostate
forse semiaperte
forse quasi chiuse"
fai intendere perfettamente come il cambio di percezione, di stato d'animo, come ogni singolo minuto possa rappresentare la realtà in maniera diversa.

G ha detto...

Analisi perfetta:)
un abbraccio